Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Atene, Syriza in vantaggio nei sondaggi su Nea Dimokratia

Le prossime elezioni europee e amministrative (in due turni) in Grecia vedranno un testa a testa fra il partito conservatore Nea Dimokratia del premier Antonis Samaras e il partito radicale di sinistra Syriza di Alexis Tsipras, candidato alla presidenza della commissione europea. Mentre i partiti stanno chiudendo le liste dei candidati, un sondaggio MRB per il sito Real.Gr pone il partito di sinistra in vantaggio con il 19,9%, tallonato da Nea Dimokratia con il 19,7. Al terzo posto si colloca a sorpresa To Potami (il fiume), nuova formazione né di destra né di sinistra fondato dal giornalista televisivo Stavros Theodoraki, che è accreditato al 9,2%. Segue la formazione di estrema destra Alba Dorata con l’8,3%, in crescita rispetto al 6,9% delle politiche del 2012. In quinta posizione vi sono i comunisti del PKK con il 6,1, mentre l’alleanza dell’Ulivo (Elia), di cui fa parte il partito socialista Pasok al governo ottiene solo il 5,3%. I Greci indipendenti sono al 4% e la Sinistra Democratica (Dimar) di Fotis Kouvelis, uscita l’anno scorso dal governo, e’ al 2,7%. Un 7% del campione votera’ per altri partiti e gli indecisi sono il 18%.L’elezione per il parlamento europeo si prospetta molto aperta e combattuta e potrebbe riservare sorprese destabilizzanti.

  • Demetre |

    il partito radicale e’ l’unico che e’ formato da gente preparata e sopra tutto non corrotta. Il suo obietivo e’ di trattare duramente con la comunita’ europea per ottenene maggiori aiuti sui settori sociali, salute,istituzioni scolastiche ect che questo momento sono crollati. Ma per di piu la Grecia ha bisogno che venga cambiata tutta la vecchia classe politica che per anni ha danneggiato il paese

  Post Precedente
Post Successivo