Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

S&P’s: Atene non lascerà l’euro

La Grecia, probabilmente non lascerà la zona euro. Lo ha detto  John Chambers, direttore generale  del rating sovrano a Standard & Poor, nel corso di una conferenza a Singapore tenuta oggi.Una visione di cauto ottimismo che contrasta con altri analisti. Secondo Michael Hewson, senior market analyst di CMC Markets "la situazione in Europa rimane difficile come confermato dalle rivelazioni di un rapporto della Troika sulle prospettive dell’economia della Grecia, che indica la necessità di ulteriori tagli di bilancio in maggio, altrimenti Atene non raggiungerà gli obiettivi fissati". Obiettivo molto difficile visto che Atene andrà al voto anticipato a fine aprile.

Sempre sul tema greco va registrato un'affermazione dell'amministratore delegato del gruppo bancario francese Societè Generale, Frederic Oudea, durante una conferenza stampa.  Il problema principale legato a un default della Grecia «non è quello dei Cds (credit default swap, contratti di assicurazione sul debito, ndr.che nel caso greco sono pari a 3,25 miliardi di dollari netti e 70 miliardi lordi ), che non rappresentano una cifra significativa per alcun attore del settore bancario» ma «piuttosto che, una volta andato in default il Paese, i suoi titoli non avrebbero potuto essere utilizzati come collaterali da parte delle banche greche per rifinanziarsi. Era questa la posta in gioco». Una precisazione molto significativa. Va aggiunto però anche che l'8 marzo il Consiglio direttivo della Bce ha deciso l'attivazione del sistema di buy back per sostenere la qualità degli strumenti di debito greci. La nota della BCE diceva  che alla luce di ciò, il Consiglio direttivo ha deciso che questi strumenti di debito siano di nuovo accettati come garanzia nelle operazioni di credito dell'Eurosistema, senza applicare la soglia minima di rating per l'ammissibilità delle garanzie fino a nuovo avviso. Insomma la Bce ha messo  in disparte i rating delle agenzie.

  • Rabo |

    “Non lascerà l’EUR” quando ?
    Certo non fra sei mesi.

  Post Precedente
Post Successivo