Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Ora Santoro inviti per par condicio Monti a servizio pubblico

Santoro ha invitato come scrive Aldo Grasso sul Corriere la sua "ossessione" commettendendo tre errori. 1) È partito con il piede sbagliato. E il piede è quello di Giulia Innocenzi, il cui tono così saccente predispone al peggio lo spettatore. Quell'aria di supponenza da dove le deriva? Si crede la più autorevole del reame? Se Santoro avesse fatto parlare per primo Gianni Dragoni sugli introiti finanziari delle aziende del Cavaliere, forse avrebbe dato un'altra piega alla serata.

2) Il modello proposto da Santoro era quello classico del processo, dunque uno sperimentato modello teatrale. Il fatto è che Santoro, quando costruisce la serata, ha una concezione molto classica della messa in scena: scaletta rigida, tempi preordinati, «attori» che hanno studiato la parte. Berlusconi, invece, recita a soggetto, segue un canovaccio (che più volte abbiamo definito «disco rotto»), ma ha ancora la capacità di improvvisare. Da guitto, da commedia all'italiana, ma in grado di spiazzare.

3) Il vero coup de théâtre di Berlusconi è stata la lettera a Travaglio, una trovata scenica di grande effetto. La controlettera aveva essenzialmente un effetto parodistico (costruita nello stile travagliesco, a metà tra il cabaret e i mattinali di polizia) e Santoro non l'ha capito. Non cogliendo lo spirito è andato fuori dai gangheri, ha fatto una scenataccia. Che era esattamente quello che Berlusconi desiderava: fargli perdere le staffe, dimostrare di non aver paura di scendere nella fossa dei leoni. Così, vittima del narcisismo (invitare in studio la sua ossessione), Santoro ha finito per portare acqua al mulino di Berlusconi.

Ora però dovrebbe invitare anche Mario Monti per par condicio e per dare slancio anche all'alternativa europea della sua "ossessione"che tanto europea non è. O forse teme di non fare abbastastanza audience? In questo caso avremmo scoperto che la vera ossessione di Santoro è la stessa  di Berlusconi: fare audience anche sulla pelle del Paese.

  • Marco |

    L’unica che condivido di questo articolo palesemente filo cavaliere è che a Santoro come a Berlusconi interessa più l’audience dei destini del Paese!

  • luci |

    Io so solo che non lo guarderò più, tanta è la delusione: l’importante era l’audience ed era palese!

  • semur |

    io aggiungerei che sembravano platealmente d’accordo: tu mi dai l’audience e io ti farò avere i voti.
    santoro hai toppato!

  • mirella |

    Grazie Santoro per il grande favore che hai fatto a Berlusconi. l’ITALIA è UN BORDELLO MA l’AUDIENCE INNANZITUTTO! POI VIENE LA LOTTA ALLA CORRUZIONE, LA LOTTA ALL’EVASIONE, LA LOTTA ALLA L’IMMORALITà E ALLA CUPIDIGIA DEI NOSTRI POLITICI, POI VENGONO I SUICIDI PERCHè DISOCCUPATI, PERCHè COSTRETTI IN UNA CELLA SOVRAFOLLATA, POI VENGONO I MORTI NEI PRONTISOCCORSI DEGLI OSPEDALI PERCHè NON CI SONO LETTI, POI VENGONO GLI EXTRACOMUNITARI RACCOGLITORI DI ARANCE, COSTRETTI A VIVERE IN CONDIZIONI ORRIBILI, ….. gRAZIE sANTORO.

  • Maria |

    Bè, allora forse piuttosto anche Bersani, visto che il più gettonato futuro presidente.

  Post Precedente
Post Successivo