Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La vera eredità della Thatcher: distrusse la manifattura a favore della finanza

Si è molto parlato in questi giorni della vera eredità politica di Margareth Thatcher. Alcuni ritengono che il lascito profondo del suo governo sia contenuta nella seguente affermazione: "Lo stato non esite ma esitono solo gli individui", sostenendo una economia liberista e monetarista, in funzione anti-keynesiana. Come ricordato su questo giornale dall'ex premier Romano Prodi, la Thatcher ha in estrema sintesi ridimensionato lo Stato e il suo intervento in campo economico e sociale ai minimi termini.

Forse però bisognerebbe ricordare che la vera eredità fu lo smantellamento della storica manifattura inglese a vantaggio della creazione del maggior centro finanziario europeo, la City di Londra. La deregolamentazione finanziaria fu la vera eredità del lungo periodo di Margareth Thatcher al potere a discapito della manifattura britannica.

Una scelta strategica che però condusse nel tempo a disoccupazione in crescita e perdita di prestigio internazionale, soprattutto ora che la crisi economica ha ridotto i margini di crescita dell'industria finanziaria, ridimensionandone la portata. E' questa la vera pesante eredità del premier britannico.

Nel 1986 con il "Big Bang" abolì nella City di Londra il sistema cosiddetto della commissione per i brokers azionari. Inoltre fu eliminato il divieto di negoziazione in proprio. La norma che separava le banche di investimento da quelle commerciali (oggi tornata di moda e denominata Volcker rule, dal nome dell'ex presidente della Fed che ne ha chiesto al presidente Obama a lungo il ripristino) venne eliminata, e questo pose le basi di quella turbo-finanza che ha portato ai mutui subprime  negli Stati Uniti,  al property trading come forza motrice dei bilanci delle banche, all'uso della leva finanziaria ogni oltre limite ragionevole, ai derivati fuori dal bilancio, ai super bonus. Soprattutto ha posto il primato della turbo-finanza sulla manifattura, all'attività dell'economia reale senza pensare che un paese di 60 milioni di abitanti, come la Gran Bretagna, non poteva certo vivere di sola finanza senza avere un problema di disoccupazione strutturale.

Non a caso la Svizzera, che ha ben tre grandi centri finanziari di primaria grandezza, come Zurigo, Ginevra e Lugano, non ha mai rinunciato a una forte industria come quella farmaceutica, chimica, nella meccanica di precisione e nell'industria della difesa.

  

  • vittorio |

    leggo su http://epistemes.org/2013/04/11/la-thatcher-non-era-reagan-in-italia-non-ha-avuto-eredi/ che la Thatcher non ha avuto eredi in Italia. Concordo al massimo abbiamo avuto un liberismo all’amatriciana che non hai mai affrontatao i temi del declino. Ben diversa la sorte tedesca dove il cancelliere socialdemocratico Gerhard Schroeder ha saputo attaccare il declino tedesco alla radice con una ampia serie di riforme strutturali come la Harzt IV e la riduzione del welfare. Non importa se il gatto sia bianco o nero, l’importante è che acchiappi i topi. Ma noi in Italia non abbiamo mai avuto una figura politica di rottura che abbia saputo dire le cose come stanno e la foresta è rimasta pietrificata con i vantaggi solo per la casta politica.

  • carmelo |

    Sull’azione della Thatcher consiglierei di tenere conto delle condizioni di partenza del suo primo mandato e di qualche dato per il quale suggerisco http://epistemes.org/2013/04/11/la-thatcher-non-era-reagan-in-italia-non-ha-avuto-eredi/.
    Quanto all’argomento di Prodi ripreso in questo post direi che al massimo si tratta della stessa causalità del “non poteva non sapere”.
    Una domanda: cosa dire degli anni di crescita in cui si è sentito l’effetto della deregolamentazione dei servizi (in genere, non solo finanziari)?

  • akko69 |

    mi puoi indicare un’auto inglese?
    non ne esistono più!
    sotto l’epoca thatcher sono fallite o hanno rischiato il fallimento:
    – Rover
    – LandRover
    – Mini
    – Vauxvall
    – Leyland.
    forse solo Jaguar e RollsRoyce hanno avuto meno impatti, ma non ne sono così sicuro…

  • matteo |

    distrusse così fortemente l’industria che ora gli inglesi sono i secondi produttori di auto in Europa …. mentre noi che abbiamo sovvenzionato la fiat per decenni stiamo alla grande

  Post Precedente
Post Successivo